Santa Evita, finalmente qualcosa da guardare su Disney+

Il 26 luglio in occasione dell’anniversario della morte di Eva Perón la piattaforma Disney+ ha reso disponibile la serie tv “Santa Evita” tratta dall’omonimo romanzo dell’autore argentino Tomás Eloy Martínez, divenuto ben presto un vero e proprio bestseller.

Articolata su sette episodi la miniserie ripercorre principalmente le vicende e i misteri che avvolsero la salma della primera dama albiceleste dal 1952, anno della morte, al 1971, anno in cui il governo militare la restituì al marito Juan Domingo Perón.

Sviluppandosi attraverso una serie di flash-back che mostrano, anche se solo brevemente, l’incontro con quello che sarà il presidente argentino nel secondo dopoguerra, la vita privata a partire dall’adolescenza nella provincia lontana dalla capitale Buenos Aires e la frenetica attività politica che la vide protagonista nelle lotte sociali al fianco del coniuge, la serie si presenta più come un thriller che un lavoro biografico concentrandosi sull’immaginario (non da ultimo il titolo) che avvolse e avvolge tuttora Evita nella nazione sudamericana.

Osteggiata già in vita dai militari che rappresentarono, dapprima, un’altra ala del peronismo per poi deporlo con un golpe nel 1955, Eva Perón è stata la paladina della riscossa degli ultimi consentendo la costruzione dell’idea di comunità nazionale alla quale era legata intrinsecamente l’azione politica del peronismo.

Prodotta dall’attrice messicana Salma Hayek “Santa Evita” rappresenta decisamente un passo in avanti per trama e struttura rispetto al kolossal hollywoodiano del 1996 che pur potendo contare su un cast stellare, con Madonna nei panni della protagonista, Antonio Banderas e Jonathan Pryce, basandosi sull’omonimo musical finisce per scadere in numerose inesattezze storiche strizzando l’occhio alla visione statunitense che fece di Perón e della sua volontà di ripristinare la sovranità nazionale dell’Argentina un dittatore (capace, però, di trionfare tre volte in elezioni democratiche).

In definitiva in un catalogo che a partire dalla sezione “Home” propone un intero pacchetto di film e serie tv incentrate sul mondo Lgbt, in pieno stile politicamente corretto, anche su Disney+, al di là degli storici film d’animazione, c’è qualcosa che vale la pena guardare attraverso una piccola maratona un episodio di seguito all’altro.

Luca Lezzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto