Elezioni USA 2021: Democratici in corto circuito, il Gop riconquista la Virginia ed è avanti in NJ

Grandi sorprese da questa tornata elettorale a stelle e strisce, nei due stati dove si votava per rinnovare il governatore, la vittoria dei democratici sembrava quasi scontata. Sia in Virginia che in New Jersey il partito di Biden (in foto) poteva contare su una solida “tripletta” vale a dire Governatore più maggioranza di Senato e Camera, ma i risultati, che stanno uscendo proprio in queste ore, smentiscono le previsioni della vigilia.

In Virginia, nello scontro tra l’ex governatore democratico Terry McAuliffe ed il repubblicano Glenn Youngkin è stato proprio quest’ultimo ad aggiudicarsi la vittoria. Un risultato importante perché ottenuto grazie ad una campagna elettorale in linea con le istanze classiche del GOP, meno tasse, più libertà individuale, ma anche per aver saputo intercettare la contrarietà dell’elettorato all’obbligo vaccinale e all’insegnamento nelle scuole della cosiddetta “critical race theory” (una corrente ideologica-giurisprudenziale che definisce intrinsecamente “razziste” molte leggi statunitensi).

Ma la spallata più grande, se ci sarà, verrà dal New Jersey, uno Stato piccolo ma estremamente popolato (circa 9 milioni di abitanti) confinante con le grandi metropoli della East Coast, New York e Philadelphia. In questa roccaforte democratica il governatore uscente Dem Phil Murphy era dato in vantaggio di ben 11 punti rispetto allo sfidante repubblicano Jack Ciattarelli, ma giunti all’88% delle schede scrutinate il candidato italo-americano del GOP è sorprendentemente avanti di poche centinaia di voti.

A prescindere dal risultato finale di questa combattutissima sfida, l’Election’s Day 2021 ha già decretato un dato politico piuttosto chiaro e cioè l’attuale stato di debolezza dei Democratici che da un lato soffrono la leadership spesso inadeguata di Biden, si pensi alla catastrofe del ritiro dall’Afghanistan, dall’altro subiscono le conseguenze di un’estrema polarizzazione sulle tematiche dei “diritti”, spesso rimandate al mittente da un elettorato non disposto a farsi “ri-educare” dagli intellettuali liberal

di Guido Santulli  

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto