Dizionario della nuova normalità: distanziamento

E’ probabilmente il concetto principale alla base del nuovo ordinamento politico inaugurato dalla pandemia da Covid-19. Forse meno crudo del termine “confinamento”, certo non meno inquietante. Benchè si siano sollevate voci di individui ben disposti a vedere nell’incremento esponenziale delle comunicazioni a distanza garantite dalle tecnologie digitali, il problema risiede proprio nella natura davvero singolare del fenomeno che le misure volte ad assicurare il “distanziamento sociale” hanno prodotto. E’ la massa l’unica situazione nella quale “l’uomo può essere redento dal timore di essere toccato…Chiunque ci venga addosso è uguale a noi, lo sentiamo come ci sentiamo noi stessi. D’improvviso, è come se tutto accada all’interno di un unico corpo. Questo capovolgimento della paura di essere toccati è peculiare della massa. Il sollievo che si diffonde in essa raggiunge una misura vistosa quanto più densa è appunto la massa” (Canetti, “Massa e potere”). Ciò che le misure di distanziamento sociale e il panico hanno creato è certamente una massa, ma rovesciata, non densa, rarefatta, fondata su un divieto, ma, proprio per questo, particolarmente compatta e passiva.

di Gianluca Kamal

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto