Il grazie del Vittoriale a chi lotta contro il Covid-19

In questo strano e difficile periodo di quarantena, durante il quale ci si chiede a tutti i livelli come e soprattutto quando si tornerà alla normalità, si comincia finalmente, anche se a dirla tutta in modo piuttosto confuso, a parlare di riaperture. E oltre agli esercizi commerciali, con calendari e modalità differenti, ad accogliere nuovamente almeno un po’ di pubblico ci saranno anche musei e centri di cultura.

Tra essi il Vittoriale degli Italiani, la monumentale residenza-cittadella di Gardone Riviera (sulla sponda bresciana del Lago di Garda) in cui Gabriele D’Annunzio trascorse gli ultimi anni della sua vita. Un luogo i cui cancelli, come è stato annunciato nelle scorse ore, non saranno più serrati a partire dal 18 maggio.

Si potrà dunque, seppure con regole (giustamente) precise, tornare ad immergersi nel dannunzianesimo che, a vari livelli e in diverse forme, si respira in un luogo decisamente magico, in cui chiunque ci sia stato almeno una volta desidera indiscutibilmente tornare.

A proposito del Vittoriale, merita di essere riferita una notizia che  rappresenta una ulteriore e a nostro giudizio mirabile medaglia di grandezza. Sulla pagina social della residenza museo del Vate e sui principali media locali, si rende noto che 50mila biglietti gratuiti, ognuno valido dal 18 maggio al 31 dicembre 2020 per due persone, saranno messi a disposizione del personale lombardo medico, infermieristico, amministrativo e di servizio impegnato nella difficile lotta contro il Covid 19, per dire grazie “a chi in questi mesi ha rischiato la propria vita per proteggerci”.

Un gesto, questo della Fondazione Vittoriale, che traduce in concreto uno dei motti più noti di D’Annunzio, tra l’altro scolpito sul frontone triangolare che sovrasta l’ingresso del Vittoriale: “Io ho quel che ho donato”.

Come dichiarato dal presidente dell’istituto Giordano Bruno Guerri, “l’enorme sacrificio umano di questi giorni non ha avuto conseguenze ancora più devastanti anche grazie all’impegno eroico e quotidiano di chi opera nella sanità lombarda. A loro vogliamo manifestare la gratitudine di tutti gli italiani con un omaggio di bellezza e di pace: una giornata serena in uno dei luoghi più belli del Garda, della Lombardia e d’Italia”.

I ticket saranno consegnati al governatore Attilio Fontana e agli assessori al Welfare Giulio Gallera e alla Cultura Stefano Bruno Galli, che avranno il compito di distribuirli.

di Cristina Di Giorgi

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto